Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione R > San Ramberto (o Ragneberto) Condividi su Facebook Twitter

San Ramberto (o Ragneberto) Martire

13 giugno

† 13 giugno 680

Martirologio Romano: Nel territorio di Lione in Francia, san Ramberto, martire, che, nato da illustre famiglia e ornato di nobili virtů, fu odiato dal maestro di palazzo Ebroíno al punto di essere dapprima imprigionato e infine ucciso.


Originario della Borgogna, Ramberto apparteneva ad una illustre famiglia. Suo padre, il duca Radeberto, governatore della provincia, gli diede un’educazione completa e fece di lui un soldato coraggioso, un uomo retto ed un cristiano di fede e di pietà notevoli.
Ramberto non approvava la tirannia di Ebroino, maestro di palazzo di Neustria e di Borgogna e, pertanto, denunciato come sedizioso, fu condannato a morte dallo stesso Ebroino che in tal modo coglieva l’occasione per sbarazzarsi di un uomo le cui qualità e la cui dirittura gli davano ombra. In suo favore, però, intervenne l’arcivescovo di Rouen, sant'Audoeno, il quale ne fece commutare la pena nell’esilio. Ramberto fu quindi esiliato nell’estremo lembo della Borgogna, ai confini col Bugey, ed affidato alla custodia del feudatario Teudefredo, il quale però ricevette istruzioni segrete che ne ordinavano la morte. Ma Ramberto riuscì a convertire il suo carceriere, che morì poco dopo. Ebroino inviò allora due emissari che, incontrato il santo presso la fontana di Bébron, sulle rive dell’Albarine, lo uccisero a colpi di lancia il 13 giugno 680.
Sul luogo del martirio, a mezza strada tra Bourg e Belley (Ain), fu eretta una croce che esiste ancora ai giorni nostri. Il corpo del martire fu raccolto dai religiosi del monastero vicino, fondato nel V secolo da san Domiziano, che lo seppellirono nel loro chiostro; i miracoli accaduti sulla sua tomba attirarono i pellegrini dando origine ad un borgo. Il villaggio, come l’abbazia, presero il nome di St-Rambert-en-Bugey. Quattro secoli più tardi, una parte delle reliquie fu trasferita nel priorato di St-André-des-Olmes, presso Montbrison dove ancora i miracoli provocarono un grande afflusso di pellegrini. Anche qui il monastero ed il borgo presero il nome del santo: St-Rambert-en-Forez. Anche nel Lionese e nel Delfinato altri due villaggi presero il nome di St-Rambert, a causa delle reliquie che vi si veneravano. È dunque evidente che il culto di san Ramberto raggiunse uno sviluppo considerevole.
Le varie reliquie furono salvate dalla Rivoluzione e sono tuttora conservate nelle chiese parrocchiali eredi delle antiche abbazie. Le diocesi di Lione e di Belley festeggiano Ramberto il 13 giugno. Nel 1834 il papa Gregorio XVI accordò un’indulgenza plenaria per la festa del santo. La traslazione delle reliquie è celebrata il 13 ottobre.


Autore:
Claude Boillon


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

______________________________
Aggiunto/modificato il 2019-05-20

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità