Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione E > Sant' Edmondo Rich Condividi su Facebook Twitter

Sant' Edmondo Rich Arcivescovo di Canterbury

16 novembre

Abingdon, Berkshire, 20 novembre 1170 - Soisy, Provins, Francia, 16 novembre 1240

Martirologio Romano: Presso la cittadina di Provins in Francia, transito di sant’Edmondo Rich, vescovo di Canterbury, che, colpito dall’esilio per aver difeso la Chiesa, morì vivendo santamente tra i monaci cistercensi di Pontigny.


Nacque ad Abingdon, nel Berkshire, da Reynold Rich che, dopo qualche tempo, si fece monaco ad Evesham. Mabilia, la pia ed austera consorte, educò con cura i figli Edmondo e Roberto e le due figlie nella pratica della penitenza. Compiuti gli studi ad Oxford e a Parigi, Edmondo insegnò matematica e poi Sacra Scrittura nella stessa Parigi. Quando tornò ad Oxford, nel 1219, fu il primo insegnante universitario in Inghilterra a dare lezioni sulla Logica di Aristotele.
Maestro di vita interiore, univa ragione e amore nella sua teologia mistica. Una illustrazione del suo equilibrato ed ortodosso misticismo può trovarsi nell'opera Sancti Edmundi Cant. in Speculo. Predicò fruttuose missioni nelle regioni del Midlands.
Mentre era canonico di Salisbury, venne incaricato da Gregorio IX di predicare la Crociata in alcune città inglesi. A Worcester i suoi uditori furono miracolosamente preservati da una violenta pioggia che cadde tutto intorno ad essi. Frutto della sua predicazione fu la conversione di William Longestec, conte di Salisbury.
Nel 1233 fu costretto ad accettare l'arcivescovado di Canterbury. Poiché Enrico III teneva per sé parecchie diocesi e benefici vacanti allo scopo di incassarne le rendite, Edmondo si rivolse a Gregorio IX che gli diede facoltà di coprire le sedi vacanti inglesi. Poco dopo, però, in seguito a richiesta di Enrico III, il papa annullò tale decreto e da allora Edmondo, piuttosto che venire implicato nelle pratiche simoniache di Enrico, si ritirò nel monastero cistercense di Pontigny, in Francia. Non molto dopo, per ragioni di salute, si trasferì a Soisy, ove morì gioiosamente e santamente il 16 novembre 1240. Secondo quanto lo stesso Edmondo aveva predetto, il suo corpo venne riportato a Pontigny il 20 novembre. Fu canonizzato da Innocenzo IV, il 16 dicembre 1246. Nel 1247 il suo corpo, che è rimasto incorrotto per secoli, venne trasferito solennemente da San Luigi, dalla regina Bianca e dalla corte francese, nella stessa Pontigny, dove rimase definitivamente.
E' Onorato come patrono della diocesi di Portsmouth e la sua festa si celebra nella maggior parte delle diocesi inglesi al 18 novembre.
 


Autore:
Joachim Dolan


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

_____________________
Aggiunto il 2018-01-22

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati