Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione A > Sant' Alonso (Alfonso) Rodriguez Condividi su Facebook Twitter

Sant' Alonso (Alfonso) Rodriguez Gesuita, martire

15 novembre

Zamora (Spagna) 10 marzo 1599 – Caaró, Rio de La Plata, 15 novembre 1628

Etimologia: Alfonso = valoroso e nobile, dal gotico

Martirologio Romano: In località Caaró in Paraguay, santi Rocco González e Alfonso Rodríguez, sacerdoti della Compagnia di Gesù e martiri, che avvicinarono a Cristo le diseredate popolazioni indigene fondando i villaggi chiamati reducciones, nei quali il lavoro e la vita sociale si coniugavano liberamente con i valori del cristianesimo, e furono per questo uccisi in un agguato dal sicario di uno stregone.


Caso raro se non unico nella agiografia della Chiesa Cattolica, esistono due santi con nome e cognome uguali Alfonso (Alonso) Rodriguez e per di più entrambi gesuiti e contemporanei del XVII secolo, quello che li distingue e che il s. Alfonso Rodriguez di cui parliamo è un martire e l’altro no.
Padre Alonso Rodriguez nacque a Zamora (Spagna) il 10 marzo 1599 e fece il noviziato a Villa Garcia (Valladolid); destinato alle Missioni in Paraguay salpò da Lisbona il 4 novembre 1616 e sbarcò a Buenos Aires il 15 febbraio 1617.
Uomo di grande giudizio e prudenza, capace d’insegnare, fu considerato dal suo superiore Mastrilli uomo di governo; fu il primo gesuita ad apprendere il “guaycurù”, l’ostico e difficile idioma degli Indios locali.
La sua vicenda di apostolato missionario e il fulgido martirio, s’inquadrano nella particolare situazione delle “riduzioni” iniziate dal gesuita M. di Lorenzana, all’inizio del ‘600 in Paraguay ed Uruguay.
Le “riduzioni” erano villaggi indigeni nei quali i Gesuiti riunirono gli Indios che vivevano sparsi e nomadi, insegnando loro a lavorare stabilmente, per convertirli al cristianesimo e avviarli alla vita civile; la prima di queste “riduzioni” della vasta zona del Rio de La Plata, fu quella di S. Ignazio Guassù (S. Ignazio il Grande).
Ma questo benemerito progetto di lavoro sociale e di promozione umana, incontrò l’ostilità degli avidi ‘commendatori’, che per i loro interessi terrieri, sequestravano le terre degli Indios, con l’appoggio di parte del governo coloniale; i missionari gesuiti furono gli strenui difensori delle “riduzioni” e degli emarginati indios
Gli sforzi missionari dei Gesuiti in quelle zone ancora vergini dell’Uruguay e Paraguay e l’istituzione delle “riduzioni”, furono magistralmente rappresentati nel famoso film “Mission”.
Padre Alfonso Rodriguez affiancò padre Rocco Gonzalez de Santa Cruz paraguyano e incaricato del funzionamento delle “riduzioni”, il quale nel 1614 spinse le sue missioni apostoliche attraverso le regioni selvagge del Paranà e dell’Uruguay, fino allora inesplorate, continuando a fondare altre “riduzioni”, dedicandosi ‘tutto a tutti’, battezzando grandi e piccoli, amministrando i Sacramenti.
Ma gli stregoni delle tribù, ovviamente non gradivano la presenza dei missionari e uno di questi di nome Niezú, fingendo di accondiscendere alle ragioni dei missionari, preparò invece una congiura per distruggere le “riduzioni”, che erano viste da lui come il fumo negli occhi.
Padre Rocco Gonzalez de Santa Cruz aveva il 15 agosto 1628, fondata per i 400 Indi del Yjuì la “riduzione” dell’Assunzione, chiamando a dirigerla padre Juan del Castillo gesuita spagnolo, poi proseguì con la collaborazione di padre Alfonso Rodriguez a lavorare per gli Indios, progettando una nuova “riduzione” nel Caaró, allora all’estremo confine dell’Uruguay, oggi nel Brasile e il mattino del 15 novembre 1628 celebrò la Messa su un altare improvvisato, dopo il ringraziamento si misero a lavorare per erigere gli edifici in legno, dirigendo il folto gruppo di Indios.
Mentre erano chini ad attaccare il batacchio della campana per l’erigenda chiesa, uno dei congiurati colpì alla testa con una mazza di pietra uccidendolo, padre Rocco Gonzalez e poi altri uccisero allo stesso modo anche il confratello Alfonso Rodriguez.
Due giorni dopo, il 17 novembre, mentre leggeva il breviario nella sua “riduzione”, anche padre Juan del Castillo, circondato da un gruppo di Indios fu trascinato nei boschi e poi ammazzato a colpi di scure.
Degni figli di S. Ignazio, i tre martiri del Rio de La Plata, furono beatificati da papa Pio XI il 28 gennaio 1934 e poi canonizzati da papa Giovanni Paolo II il 16 maggio 1988 ad Asunción in Paraguay.
S. Alonso Rodriguez è celebrato insieme a s. Rocco Gonzalez il 15 novembre, s. Juan del Castillo il 17 novembre.


Autore:
Antonio Borrelli

______________________________
Aggiunto/modificato il 2004-11-08

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati