Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Antonio Seghezzi Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Antonio Seghezzi Sacerdote e martire

.

Premolo, Bergamo, 26 agosto 1906 Dachau, Germania, 21 maggio 1945


“La più bella azione cattolica che io farò…sarà donarmi tutto”: dice così, manco a farlo apposta, un assistente diocesano di Azione Cattolica, che in questa crede, al  punto da giocarsi gli anni migliori per formare giovani che siano capaci di partecipare con responsabilità ed intelligenza alla costruzione della civiltà cristiana. È bergamasco, per l’esattezza di Premolo, dove nasce il 26 agosto 1906, secondo dei dieci figli di una famiglia umile e laboriosa, che non ostacola il suo desiderio di entrare in seminario a undici anni, alla ricerca di una vocazione che, forse, è più chiara nella testa del parroco che non nella sua. Ne esce sacerdote a febbraio 1929 e per tre anni fa pratica come viceparroco nella bergamasca, prima  di  essere spedito in seminario ad insegnar lettere. Resta comunque in cattedra tre anni appena, perché nel 1935 va a fare il  cappellano militare in Eritrea, trovando al suo rientro, due anni dopo, la nomina ad assistente diocesano dei giovani di Azione Cattolica. Forse perché al vescovo non è sfuggito il particolare ascendente che ha sui giovani. O, più probabilmente, perché ci si è accorti quale spessore abbiano la sua spiritualità e la sua generosità sacerdotale. Non le smentisce per niente nel nuovo incarico, che svolge con la consueta passione e con l’identico slancio missionario, girando la diocesi per contattare le varie sezioni e dimostrando come gli stiano a cuore i contatti personali e le relazioni umane e spirituali. Passa di parrocchia in parrocchia, cercando ospitalità notturna nelle varie canoniche, per essere presente ad ogni adunanza e ad ogni riunione di sezione, raggiungendo solo all’alba del mattino dopo il suo ufficio in curia, con la gioia di aver stabilito qualche contatto in più e di aver suscitato qua e là nuovo entusiasmo, attingendo alla sua inesauribile passione per Cristo e per le anime. Il suo stile pastorale privilegia “la promozione delle idee ai programmi d’azione, la direzione spirituale all’organizzazione, la cura del singolo giovane all’intervento sulla massa”. A tutti propone una radicalità evangelica che lui stesso ha sperimentato e si sforza di vivere in prima persona, una misura alta di vita cristiana basata su grandi ideali e contraddistinta da uno stile di vita povero ed austero. I giovani apprezzano la sua direzione spirituale, illuminata e forte, che prosegue anche per via epistolare, arrivando al punto di scrivere cento lettere al giorno per seguire anche  da lontano i suoi “figli”.  Proprio negli anni dell’onnipotenza hitleriana, ha il coraggio di predicare l’umiltà e la coscienza del proprio limite, l’abbandono fiducioso in Dio e la precedenza delle leggi divine su qualsiasi disposizione umana ad esse contraria. Logico, per un prete così, incitare alla disobbedienza civile dopo l’8 settembre 1943, quando scegliere “la strada dei monti” al posto dell’arruolamento è ben più che una scelta ideologica, perché diventa un atto di coscienza pienamente in linea con il Vangelo. “Che assistente sarei se non li assistessi proprio ora?”, dice a se stesso e così continua a seguirli, “per corrispondenza”, con i suoi consigli, i suoi inviti, i suoi insegnamenti. È cosciente di rischiare ed avrebbe la possibilità di riparare in Svizzera, ma sa restare al suo posto, anche per non deludere i giovani che a lui guardano come ad un esempio. I nazifascisti, per mettergli le mani addosso, usano l’unica arma a loro disposizione: minacciare di rappresaglia il clero e l’Azione Cattolica bergamasca. È proprio per scongiurare ciò, anche su consiglio del suo vescovo, che si consegna spontaneamente e si lascia arrestare il 4 novembre 1943. Subito malmenato e torturato, processato e condannato a cinque anni di lavoro coatto in Germania, poi scontati a tre, viene deportato subendo la sorte di altri poveri esseri ridotti a larve umane.  Finisce i suoi giorni a Dachau il 21 maggio 1945, vittima della tubercolosi e stroncato dai maltrattamenti disumani subiti. I suoi resti, fortunosamente ritrovati, nel 1952 sono stati traslati a Premolo e dal 2006 riposano nella chiesa parrocchiale, in una cripta appositamente preparata per lui. Perchè di don Antonio Seghezzi è stata avviata la causa di beatificazione, che ultimata nella fase diocesana, sta ora attendendo il verdetto della Congregazione dei Santi, che riconosca l’esercizio eroico delle virtù.

 


Autore:
Gianpiero Pettiti

______________________________
Aggiunto/modificato il 2012-07-17

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati